time for change

Voglia di cambiamento a 360°

Ci sono momenti, nella vita di un’azienda, in cui tutte le certezze che ci hanno accompagnato per lunghi anni iniziano a vacillare, i risultati ottenuti non sono più quelli ai quali eravamo abituati, ci sentiamo pervasi da un senso di smarrimento, di perdita di controllo e nelle orecchie dell’imprenditore iniziano a risuonare quelle parole e quei concetti che abbiamo sentito e letto tante volte: Innovazione, Cambiamento, Riorganizzazione!

Dopo settimane passate a pensare e riflettere, ci si convince che Sì, per il futuro dell’azienda è fondamentale procedere ad un cambiamento e dobbiamo innovare il modo di lavorare.

Iniziamo quindi a consultarci direttamente con i vari fornitori di servizi per l’innovazione di cui abbiamo tanto sentito parlare (cloud, office automation, digital transformation, ecc.) e a stringere accordi con ognuno di loro, senza aver pensato ad una regia unica, qualcuno che possa aiutarci a portare a termine con successo questo cambiamento interno ed esterno tanto voluto dalla proprietà dell’azienda.

Seppur con diverse difficoltà e costi più alti di quelli preventivati, ogni fornitore effettua correttamente il proprio lavoro come da accordi iniziali e adesso forza… tutti al lavoro!

Passano alcune settimane, mesi e ci rendiamo conto che qualcosa non sta andando come avrebbe dovuto: il lavoro si è rallentato invece di velocizzarsi, non c’è giorno in cui non vi sia qualche discussione tra colleghi che prima erano soliti collaborare, con le stesse ore di lavoro le persone non ce la fanno più a fare quello che facevano prima, manca sempre qualcuno che prenda decisioni…. ma cosa sta succedendo? Cosa non ha funzionato?

Quanto descritto sopra rappresenta una situazione tipo molto più frequente di quanto possiamo credere, soprattutto nelle micro e piccole medie imprese. 
Il cambiamento in generale rappresenta infatti uno scoglio enorme da superare psicologicamente per la grande maggioranza delle persone, che solitamente sono restie ad uscire dalla propria “confort zone”. Laddove il processo non sia stato quindi implementato con la necessaria preparazione, formazione, coordinamento e verifica, inconsciamente o consapevolmente, nella struttura e nelle persone si viene a creare una resistenza al cambiamento stesso ed alle nuove disposizioni; attitudine che già ben descriveva l’illustre Niccolò Macchiavelli nella sua opera “Il Principe” (cap. VI):


“E debbasi considerare come non è cosa più difficile a trattare, né più dubia a riuscire, né più periculosa a maneggiare che farsi capo a introdurre nuovi ordini; perché lo introduttore ha per nimici tutti quelli che degli ordini vecchi fanno bene e ha tepidi defensori tutti quelli che degli ordini nuovi farebbono bene.”

time for change

 

Per portare a termine con pieno successo un processo di cambiamento all’interno dell’azienda (piccolo o grande che sia) è quindi assolutamente necessario seguire dei passaggi fondamentali che iniziano con la verifica e pianificazione iniziale, fino al riscontro dei risultati ottenuti passando attraverso fasi di preparazione, convincimento, partecipazione, formazione, coordinamento, implementazione, verifica, correzione e analisi del risultato finale.

Farsi aiutare da chi ha già maturato esperienze in tal senso, in grado di affiancare l’imprenditore ed il management, nonché guidare e coordinare con una regia unica l’intero processo di cambiamento è fondamentale per il successo del progetto.

Non abbiate fretta quindi di chiedere i preventivi ai vari fornitori dei servizi che volete implementare ma riflettete prima su chi potrebbe essere la persona interna o esterna all’azienda, che potrà aiutarvi ad implementare con successo questo nuovo progetto fondamentale per il futuro dell’azienda.

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarmi. A presto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.